Scarica la nostra app

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

Art. 1. CONTRATTO: PROPOSTA - INTERPRETAZIONE - ACCETTAZIONE - NORME APPLICABILI. La sottoscrizione è vincolante ed irrevocabile per il committente salvo il disposto dell’art. 1671 del Codice Civile. E’ vice-versa facoltà della I.P.A. Srl accettarlo o meno, ai sensi e per gli effetti degli artt. 1331 e 1329 del Codice Civile, e viceversa la venditrice potrà in ogni caso, nonostante la conferma scritta di accettazione, sospendere l’ordine ove le referenze economiche e finanziarie del committente non offrano a suo insindacabile giudizio idonee garanzie per il buon fine della fornitura stessa.

Art. 2. VALIDITA’ DELL’ORDINE. L’ordine a noi conferito, sia direttamente che indirettamente tramite nostri agenti o incaricati, verrà da noi ritenuto valido ed accettato entro 3 giorni lavorativi dalla data di ricevimento. Lo stesso vale per ordini conferiti telefonicamente, a mezzo telefax od a mezzo altri strumenti di trasmissione elettronica dei dati (esempio posta elettronica o EDI). La conferma dell’ordine sarà inviata al cliente quando prevista dal contratto. Il prezzo di ogni posizione è strettamente legato alla sua misura e quantità ed alle condizioni contrattuali accordate. Tutte le variazioni che interverranno in seguito alle esplicite richieste del committente, ci autorizzeranno a variare l’importo pattuito. I prezzi sono espressi in Euro e non comprendono l’IVA. Essi possono subire variazioni in qualsiasi momento ad insindacabile giudizio della società anche per ordini precedentemente accettati nel caso di variazioni di costi.

Art. 3. TERMINI DI CONSEGNA. I termini di consegna indicati in offerta e copia commissione non sono impegnativi per l’azienda. Per i prodotti a listino si intende a titolo indicativo un termine di 15 giorni lavorativi; per i prodotti non a listino i termini sono da concordare con l’ufficio vendite e sono comunque superiori al tempo medio. La venditrice non risponde degli impegni assunti dai suoi agenti senza il suo benestare per iscritto. Quando l’esecuzione di un ordine è stata sospesa per inadempienza nei pagamenti da parte del cliente, i termini di consegna decorrono dalla data di effettivo pagamento di tutti i sospesi pregressi. Il termine di consegna pattuito scatta solo dal momento in cui è stata accettata la conferma d’ordine. Possibili ritardi non possono dare diritto ad alcun indennizzo, risarcimento danni od annullamento dell’ordine. Nel caso in cui fossimo costretti dal committente a ritardare la fornitura, ci riserviamo di addebitare tutti i maggiori costi derivatici per concludere il nostro incarico. Rimane inteso che i pagamenti concordati avranno il loro corso pattuito indipendentemente dai ritardi summenzionati.

Art. 4. RESA. Il luogo della consegna di tutti i beni venduti è quello della sede della I.P.A. Srl a Villadose (RO). Nel caso in cui i beni siano destinati ad un luogo determinato dall’acquirente, ma siano venduti Franco sede I.P.A. Srl, le merci viaggiano sempre a rischio e pericolo dell’acquirente. La merce, anche se venduta franco destino e si intende resa franco sponda del camion. La consegna della merce si intende franco destino sul territorio nazionale (isole escluse) ed estero per ordini di importo netto da definire salvo diversi accordi. Per la resa della merce nelle isole del territorio nazionale sarà applicata la tabella prezzi del vettore incaricato del mandato di trasporto salvo diverse integrazioni. In ogni caso la venditrice non ha l’obbligo di assicurare la merce venduta. Il compratore dovrà verificare le merci all’arrivo e porgere reclamo al trasportatore per qualsiasi avaria, mancanza o difetto mediante annotazione nel documento di consegna, e ciò a pena di decadenza della facoltà di apporre eccezioni a riguardo. L’imballaggio della merce è sempre escluso dalle quotazioni di vendita, se non accordato differentemente. L’imballaggio speciale riportato espressamente nei documenti di consegna delle merci o nelle relative fatture è di proprietà della venditrice. L’imballaggio dovrà pertanto esser restituito alla I.P.A. Srl entro la data dalla richiesta della venditrice. In caso contrario verrà addebitato al cliente il prezzo di acquisto della I.P.A. Srl maggiorato del 20%.

Art. 5. PAGAMENTI. Nel caso in cui sul contratto non sia stato definito un sistema di pagamento il cliente ci autorizza a richiedere un pagamento alla consegna con eventuale sconto finanziario normalmente del 2% o ad emettere una ricevuta bancaria con la scadenza a 30 giorni data fattura fine mese con spese salvo diverse integrazioni. I termini di pagamento debbono esser rispettati anche nei casi di ritardo della consegna della merce e/o di avarie o perdite parziali o totali verificatesi durante il trasporto, nonché nel caso in cui la merce messa a disposizione dell’acquirente presso la venditrice non venga ritirata dal cliente. L’inesatto adempimento delle condizioni di pagamento indicate nell’offerta, così come ogni altro inadempimento dell’acquirente di cui al presente contratto, legittima invece I.P.A. Srl a sospendere ogni sua prestazione a favore dell’acquirente. Tutti i pagamenti debbono esser effettuati nei modi e nei termini indicati nel contratto, esclusivamente alla sede di I.P.A. Srl o ad incaricati della stessa se muniti di delega all’incasso rilasciata per iscritto. Assegni, cambiali, ricevute bancarie ed ogni altro effetto rimessi dall’acquirente alla venditrice, non costituiscono pagamento se non con il loro effettivo incasso. Il rilascio di effetti cambiari e/o di assegni si considera sempre “pro-solvendo” e gli eventuali rinnovi non costituiscono mai novazione delle originali obbligazioni contrattuali. Il ritardato pagamento comporterà violazione contrattuale sancita dal D.L. n. 231/2002. La violazione anche di uno solo degli obblighi indicati in questo articolo, così come il mancato pagamento anche di una sola parte del prezzo alle scadenze pattuite, comporta la decadenza dell’acquirente dal beneficio del termine ex art. 1186 C.C., con conseguente diritto della venditrice di esigere il pagamento in unica soluzione di ogni intero ammontare indicato nel contratto. Comporta altresì la decadenza del beneficio del termine l’elevazione di protesti a carico del cliente, la pendenza a carico dello stesso di procedure esecutive e concorsuali, la variazione di qualsiasi natura della compagine sociale o la trasformazione sociale ed, in genere, le difficoltà di adempimento di obbligazioni assunte nei confronti di terzi in base ad altri rapporti giuridici. Nel caso in cui I.P.A. Srl decidesse, in luogo della risoluzione del contratto, di procedere per ottenere l’immediato pagamento dell’intera prestazione, lo potrà fare anche con ricorso per decreto ingiuntivo, senza che questo debba contenere la dichiarazione di decadenza dal beneficio del termine, dal momento che la decadenza si realizza automaticamente in seguito all’insolvenza di una sola scadenza oppure nelle altre ipotesi su indicate. Eventuali ritardi nei pagamenti e/o mancati pagamenti, comportano l’addebito al cliente degli interessi di mora nella misura del tasso bancario ufficiale di sconto in vigore maggiorato di 7 punti e danno alla IPA s.r.l. la facoltà di richiedere il pagamento di tutti i propri crediti, anche se non ancora scaduti, e di annullare o sospendere l’esecuzione degli ordini in corso, anche se già accettati senza alcuna pretesa di danni da parte del committente nemmeno per eventuali ritardi nella consegna. La IPA s.r.l. assegna al cliente un fido in funzione del volume d’affari e della regolarità nei pagamenti. Per ordini od esposizioni superiori al fido concesso, si riserva la facoltà di richiedere congrue garanzie. In caso di modifiche nella situazione del Committente, la IPA si riserva il diritto di chiedere garanzie o variare le condizioni di pagamento in essere. Le merci consegnate sono di proprietà del produttore sino al loro pagamento integrale. Le spese per eventuali insoluti sono a carico totale dell’acquirente, come pure gli interessi di mora. Il firmatario del presente documento, quale legale rappresentante del compratore, è responsabile in proprio del pagamento della merce nei confronti della ditta venditrice per il pagamento degli importi risultanti, nonché delle eventuali modifiche o aggiunte, vincolandosi di soddisfare tale obbligazione senza la preventiva escussione del debitore e senza limiti di tempo in deroga all’art. 1957 del C.C.

Art. 6. RECLAMI – TERMINI DI DECADENZA. Le contestazioni sul numero dei coli o su danneggiamenti da trasporto vengono prese in considerazione solo se comunicate dal cliente per iscritto sul documento di trasporto della merce. La sostituzione della merce contestata non significa accettazione della contestazione. Non si accordano risarcimenti di danni per la ritardata spedizione. Non si accetta merce di ritorno senza nostro consenso scritto. Eventuali denunce per vizi, difetti e/o mancanza di qualità della merce, dovranno pervenire presso la sede della I.P.A. Srl tramite raccomandata A/R oppure a mezzo fax/e-mail (riportante mittente e data di invio) da recapitarsi entro e non oltre giorni 8 (otto) dalla consegna dei beni o dalla scoperta se trattasi di vizi e/o difetti e/o mancanza di qualità non apparenti. In tal caso i vizi e/o difetti, e/o mancanza di qualità dovranno esser indicati in modo specifico e circostanziato, pena la decadenza di ogni diritto. Il termine di decadenza di cui sopra si applica sia nell’ipotesi di consegna di “aliud pro alio”, ossia qualora la merce sia completamente diversa da quella ordinata, sia nell’ipotesi di vizi e/o difetti sopravvenuti alla conclusione del contratto. Incombe comunque all’acquirente dimostrare l’accadimento dal quale fatto e fatto decorrere il termine di decadenza su indicato. Nel caso in cui il reclamo risulti elevato tempestivamente secondo le modalità prestabilite, e sia fondato, la I.P.A. Srl sarà obbligata alla sola sostituzione della merce riconosciuta non conforme, a meno che la venditrice non preferisca, a sua esclusiva ed insindacabile scelta, l’eliminazione dei vizi e/o difetti o il rimedio della riduzione del prezzo della singola merce riconosciuta non conforme. Al di fuori delle ipotesi su indicate, il compratore rinuncia espressamente a chiedere l’esatto adempimento, la risoluzione del contratto (artt. 1453, 1492 e 1497 C.C.), il risarcimento dei danni (artt. 1218, 1453 e 1494 C.C.) e/o il rimborso delle spese a qualsiasi titolo sostenute, comprese quelle legali. L’impegno di I.P.A. Srl a sostituire la merce e/o ad eliminare i vizi e/o difetti, non dà mai luogo ad un accordo novativo, né crea una nuova obbligazione di carattere o contenuto autonomo rispetto all’originaria obbligazione di garanzia. Le azioni su descritte si prescrivono in un anno dalla consegna della merce, e ciò anche quando riguardino l’ipotesi di “aliud pro alio” e quella di vizi e/o difetti sopravvenuti alla conclusione del contratto. Resta comunque confermato che l’accredito al cliente viene eseguito solo dopo la restituzione della merce contestata ed a condizione che il vizio e/o difetto sia realmente tale.

Art. 7. LIMITI DI RESPONSABILITA’ DELLA VENDITRICE. Il cliente, con la conclusione dell’ordine, si assume la responsabilità dell’esattezza dei dati esposti nel dettaglio dell’ordine stesso, in quanto professionale ovvero detentore di conoscenze specifiche di settore. Tutte le misure, quantità e caratteristiche anche qualitative dei beni si intendono sempre approvate dal cliente, anche se l’acquirente si sia avvalso per la raccolta dei dati e della loro eventuale elaborazione dell’opera di I.P.A. Srl per cui egli assume esclusivamente ogni responsabilità anche per eventuali errori di misura o interpretazione di ordini non codificati o incompleti nei dati, liberandone il venditore. I campioni, le campionature, i cataloghi, le descrizioni generiche dei prodotti e qualsiasi documentazione tecnica, hanno valore meramente indicativo e generico. Il compratore rinuncia pertanto espressamente ad ogni reclamo in ordine ad eventuali variazioni e/o differenze anche qualitative tra i beni acquistati ed il materiale illustrativo in suo possesso e/o in ordine a variazioni dei componenti del prodotto che non modifichino l’essenzialità e/o funzionalità dello stesso. L’acquirente si rimette alle scelte sia estetiche sia tecniche che effettuerà la venditrice, a suo insindacabile giudizio, per la migliore soluzione costruttiva dei manufatti. Per eventuali limiti specifici di funzionalità dei prodotti, il cliente dichiara di aver preso visione delle note riportate nei listini della venditrice.

Art. 8. GARANZIA. Tutti i prodotti sono coperti da garanzia secondo quanto prescritto dal Codice Civile Italiano e successive integrazioni e/o modificazioni di legge. La I.P.A. s.r.l. non risponde, anche se il prodotto è ancora in garanzia, nel caso venissero evidenziate manomissioni al prodotto e/o errori di montaggio. Sono esclusi dalla garanzia i danni causati da incidenti, cause di forza maggiore, fulmini, incendio, alluvioni, trombe d'aria, disordini pubblici, incuria, uso improprio, errata installazione, tentativi di effrazione e scasso nonché tutti i danni imputabili alla costruzione ove il manufatto è collocato. Sono esclusi dalla garanzia tutte le parti soggette a manutenzione ordinaria, quelle soggette a deperimento d’uso e gli accessori, se non quando risultino difettosi di fabbricazione. Sono esclusi dalla garanzia del corretto funzionamento i prodotti eseguiti a richiesta del cliente che dovessero eccedere le dimensioni minime o massime riportate per ogni tipo di prodotto nei listini della costruttrice. La presente garanzia, trattandosi di una forma assicurativa estensiva a quella prevista dalla legge, non opera quando non siano stati rispettati da parte del cliente i patti contrattuali. La garanzia non opera quando non sia stata effettuata una normale ed adeguata manutenzione. La garanzia non opera e decade definitivamente nel caso in cui i manufatti siano stati alterati e/o manomessi da soggetti non autorizzati da I.P.A. Srl.

Art. 9. MODIFICHE. La IPA s.r.l. si riserva il diritto di apportare modifiche tecniche, dimensionali ed estetiche ai propri prodotti di serie senza che ciò possa costituire diritto del committente per la ripetizione dei tipi aboliti o modificati.

Art. 10. INFORMATIVA SULLA LEGGE A TUTELA DELLA PRIVACY E DEROGHE. Il committente dichiara di aver ricevuto completa informativa ai sensi dell’art. 13 d.lgs. Vo 196/2003 unitamente a copia dell’art.7 del decreto medesimo, ed esprime il consenso al trattamento ed alla comunicazione dei propri dati qualificati come personali dalla citata legge nei limiti, per finalità e per la durata precisata nell’informativa allegata. Il committente presta altresì il suo consenso affinché I.P.A. Srl possa riprodurre sui cataloghi, dépliant, listini prezzi e ogni altra documentazione tecnica, l’immobile in cui sono stati installati i manufatti.

Art. 11. VALIDITA’ DELLE CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. Le presenti condizioni generali di vendita come descritte ed approvate con duplice sottoscrizione del cliente, troveranno applicazione per ogni ordine successivo al primo ordine conclusosi con il cliente nelle forme sopra descritte. In caso di nuovi rapporti con il medesimo cliente il prezzo dei manufatti sarà quello indicato nel listino prezzi di I.P.A. Srl in vigore al momento della conclusione del nuovo contratto.

Art. 12. COMPENSAZIONI. Nel caso in cui I.P.A. Srl sia debitrice del cliente in ordine del presente o ad altro rapporto, viene esclusa sin d’ora la compensabilità di tali debiti con i crediti vantati dalla venditrice, i quali, alle scadenze previste, sono da considerarsi liquidi, certi ed esigibili.

Art. 13. CONDIZIONI PARTICOLARI. Eventuali deroghe alle condizioni generali contrattuali qui convenute dovranno risultare in forma scritta. Le presenti condizioni si intendono totalmente accettate con conferma dell’ordine da parte del Committente. PER QUANTO NON CONTEMPLATO DALLE PRESENTI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA VALGONO LE DISPOSIZIONI PREVISTE DAL CODICE CIVILE.

Art. 14. FORO CONVENZIONALE ESCLUSIVO CON FACOLTA’ DI DEROGA PER LA SOLA VENDITRICE. Il presente contratto è soggetto alla legge italiana. Per qualunque controversia e/o contestazione che dovesse nascere dall’interpretazione, esecuzione e/o risoluzione del presente accordo, ed a qualsiasi inerente ragione di dare ed avere è competente, esclusivamente, ai sensi degli artt. 28 e 29 del Codice di Procedura Civile, il Foro del Tribunale di Rovigo, salva la facoltà per la sola venditrice di avvalersi di ogni altro Foro competente per legge.

Download